Tag Archives: imparare a programmare

Vettore (array) in programmazione e suo Caricamento

1 Apr

Abbiamo già introdotto l’argomento nella scorsa lezione;ora vediamo come funzionano i vettori in programmazione e più precisamente con il linguaggio vb.net, il linguaggio adatto per chi vuole imparare a programmare.

Il vettore, come accennato, può essere visto come l’insieme di più variabili dello stesso tipo; quindi ne deriva che anch’esso debba essere dichiarato alla stregua delle variabili.
Continua a leggere

Annunci

Strutture dati : i Vettori, introduzione generale

11 Mar

Passiamo ora, nella nostro percorso di Imparare a Programmare, ad un argomento complesso. Si tratta delle strutture dati, ossia di variabili particolari, strutturate, nelle quali è possibile immagazzinare più di un dato che può essere omogeneo (vettore) o eterogeneo (matrici) o comprendente qualsiasi tipo di valore (file). Di questi ultimi ne parleremo approfonditamente in seguito.
Continua a leggere

Uso delle strutture iterative

19 Feb

Come accennato nelle precedenti lezioni, mediante  l’iterazione è possibile ripetere un’istruzione per un numero di volte finito. L’iterazione può essere  precondizionale (while) o postcondizionale (do).

Vedremo in questa lezione come fare uso delle strutture iterative anche in modo complesso.
Continua a leggere

Concetti di logica

12 Feb

Le operazioni che un computer deve eseguire appartengono a due categorie: quelle di tipo aritmetico (somma,sottrazione ecc..) e quelle di tipo logico.

Queste ultime si riferiscono a proposizioni che possono essere vere o false.

Continua a leggere

SELEZIONE

5 Feb

Come accennato nella precedente lezione, la selezione consente di effettuare una scelta fra due possibili alternative valutando una condizione.

Abbiamo, però, in Vb.Net diversi modi per strutturare una selezione:

  • SELEZIONI SEMPLICI, usati ad esempio per calcolare il cubo o il quadrato di un numero a condizione che il numero sia maggiore o minore di zero.

esempio:

– acquisisci numero e mettilo in a

– se a >0 allora fai il  suo quadrato e metti il risultato in ris

altrimenti fai il suo cubo e metti il risultato in ris

fine se

– visualizza risultato

 

  • SELEZIONI AD UNA VIA, quando sono presenti istruzioni solo in un ramo della condizione, normalmente solo nel vero. Un esempio è la visualizzazione del nome di una persona solo se è maggiorenne

esempio:

– acquisisci nome della persona e mettila in nome

– acquisisci l’età della persona e mettila in eta

-se (eta > 18 o eta = 18) allora visualizza nome

fine se

 

  • SELEZIONI IN CASCATA, quando due o più condizioni devono essere eseguite una dopo l’altra. Un esempio è il calcolo dello sconto  di un pagamento se superiore a 100 euro e se fatto in contanti.

esempio:

-costante sconto_prod = 5

-costante sconto_pag = 3

-acquisisci prezzo e mettilo in prezzo

-acquisisci metodo di pagamento e mettilo in pag

-se prezzo >100 allora ris= prezzo – (prezzo * sconto_prod / 100 )

fine se

-se pag= “contanti” allora ris= risultato precedente (che si trova in ris) -( ris  * sconto_pag / 100)

fine se

bd

  • SELEZIONI ANNIDATE, quando in uno o entrambi i rami di una condizione sono presenti altre condizioni. Un esempio è il calcolo della somma o del prodotto di due numeri a condizione che siano o positivi o negativi.

esempio:

-acquisisci primo numero e mettilo in a

-acquisisci secondo numero e mettilo in b

-se a>0 allora

se b>0  allora

ris = a+b

altrimenti

ris = a * b

fine se

altrimenti

ris = a* b

fine se

– visualizza ris

222

Dal problema al programma. Come programmare un problema

31 Gen

Per realizzare un algoritmo, ossia l’insieme di istruzioni che definiscono una sequenza di operazioni, si possono utilizzare sostanzialmente 3 strutture di controllo per realizzare un algoritmo :

• sequenza;
• selezione;
• iterazione o ciclo.

SEQUENZA

Si parla di struttura di sequenza quando le operazioni descritte vanno eseguite una dopo l’altra, secondo l’ordine con cui sono state definite.

Un esempio di sequenza può essere l’algoritmo per programmare una banale somma tra due numeri:

– acquisisci i numeri in input e inseriscili in due variabili, a e b

somma i due numeri e inseriscili in una variabile, somma

visualizza il risultato.

 

Questo banalissimo algoritmo si risolve in Vb.Net nel seguente modo

 

rg

 

 

SELEZIONE

La struttura di selezione permette di effettuare una scelta fra due possibili alternative valutando una condizione. Se la condizione è vera vengono eseguite le istruzioni presenti sul ramo corrispondente al vero, altrimenti vengono eseguite le condizioni presenti sul ramo del falso.

in Vb.Net la selezione è rappresentata dalla struttura if – then – else – end if

 

Un esempio di selezione consiste in una ricerca del massimo tra due numeri:

acquisisci i due numeri e inseriscili in due variabili, a e b

se a > b allora (caso vero)

                     visualizza a

                     altrimenti (caso falso) 

                      visualizza b

in Vb.Net avremo:

ghh

 

 

 

ITERAZIONE

Vengono introdotti concetti relativi alla possibilità di ripetere una serie di istruzioni per un numero finito di volte.

Esistono in Vb.Net diversi tipi di iterazione e possiamo dunque ricorrerne a diversi in base al problema da risolvere:

– ciclo For- Next, usato quando si conosce il numero di volte che si ripete l’azione.

esempio: sommare i primi 5 numeri

ff

 

Usiamo il ciclo For in quanto sapiamo il numero di volte che si ripete l’azione, 5.

 

– ciclo Do – Loop Until, usato quando non si conosce il numero di volte con cui si ripete l’azione. Usando il ciclo Do si presuppone che l’azione si deve eseguire almeno una volta.

esempio: calcolare media

media

 

Usiamo il ciclo Do in quanto presupponiamo che almeno un voto debba essere inserito per calcolare la media.

 

– ciclo While – End While, usato quando non si conosce il numero di volte con cui si ripete l’azione. Usando il ciclo While si presuppone che l’azione potrebbe anche non essere eseguita affatto.

 

esempio:  aggiungere numeri ad una listbox

 

ri

 

Usiamo il ciclo While in quanto potrebbe darsi che non vogliamo inserire numeri e quindi che l’azione non si ripeti affatto.

 

 

 

Introduzione programmazione ad eventi

29 Gen

La programmazione con Vb.Net è definita programmazione ad eventi in quanto il programma funziona al verificarsi di determinati eventi stabiliti in fase di scrittura del codice.

Ogni oggetto in Vb.Net ha dei propri eventi, abbiamo visto ad esempio quello Load del Form che esegue la porzione di istruzioni inseriti nell’evento “Form_Load” (cliccando 2 volte sull’oggetto del form).

Esistono 3 categorie di eventi controllabili dal sistema:

  1. eventi del mouse
  2. eventi del sistema
  3. eventi della tastiera

 

Gli eventi del mouse si dividono in altre 3 sottocategorie:

  1. eventi dovuti al trascinamento del mouse
  2. eventi dovuti al click del mouse
  3. eventi generati al movimento del mouse

 

Gli eventi del sistema si dividono a loro volta in 4 sottocategorie:

  1. Eventi generati dal caricamento degli oggetti
  2.  Eventi generati dalle modifiche dell’utente (cambiate le proprietà degli oggetti)
  3.  Eventi legati al fuoco (testo selezionato,  etc.)
  4.  Eventi generati dai movimenti delle finestre (ridimensionamento finestra, etc.)

 

E’ possibile gestire gli eventi inserendo del codice da far eseguire al programma  al verificarsi dell’evento in cui è inserito il codice.

 

In Vb.Net per selezionare l’evento di un oggetto si fa doppio click sull’oggetto in considerazione e una volta apertasi la Private Sub legata all’evento dell’oggetto cambiare l’evento digitando quello desiderato dopo la clausula “Handles   <nome oggetto>”.

Ad esempio per cambiare l’evento del click del mouse in un button,  in movimento del mouse, faremo nel seguente modo

c

 

 

Input

28 Gen

INPUT

 

Per gestire le istruzioni di input è necessario sapere di che tipo essi possono essere:

NUMERI INTERI

  • compresi tra 0 e 255 si usa il tipo “BYTE”
  • compresi tra -32768 e 32767 si usa il tipo “SHORT”
  • compresi tra -2147483648 e 2147483647 si usa il tipo “INTEGER”
  • compresi tra -9223372036854775808 e 9223372036854775807 si usa il tipo “LONG”

NUMERI DECIMALI

  • decimali con singola precisione si usa il tipo “SINGLE”
  • decimali con precisione doppia si usa il tip “DOUBLE”

STRINGHE

  • 1 singolo carattere si usa il tipo “CHAR”
  • più caratteri si usa il tipo “STRING”

DATE

  • tipo “DATE”

RISPOSTE DI TIPO BOOLEANO (vero o falso)

  • tipo “BOOLEAN”

 

Per prendere un dato in input occorre dapprima “dichiararsi” la variabile del tipo immesso per “salvarla” in memoria.

Esistono 2 modi per dichiarare una variabile : globalmente (valida per tutti gli oggetti), localmente (valida solo per l’oggetto preso in considerazione).

 

Ad esempio volendo acquisire in input un dato numerico occorre eseguire i seguenti passaggi:

La parte compresa tra “Public Class Form” e “Private Sub…”  è quella addetta alle dichiarazioni delle variabili globali. Basterà scrivere :                  Dim numero as integer       per dichiarare un input di tipo numerico. Analizzando l’istruzione la parola “Dim” serve per la dichiarazione;  la parola “numero” è il nome che stiamo attribuendo al dato in input (essa può chiamarsi in qualsiasi modo, ad esempio num invece di numero);  il termine “as integer” invece specifica il tipo di dato che vogliamo inserire (in questo caso numero intero compreso tra -2147483648 e 2147483648, se volessimo dichiarare un numero decimale scriveremo “as single“).

 

Per dichiarare una variabile localmente occorre scrivere l’istruzione tra “Private Sub…” e “End Sub“.

btm

 

 

 

Una volta dichiarato il “contenitore” del nostro dato, ora possiamo acquisirlo.

Per l’input in Vb.Net si mette a destra dell’uguale (=) l’oggetto da cui vogliamo prendere il dato e a sinistra la variabile.

Esistono vari modi in Vb.Net per acquisire dati in input ma ne vedremo solo 2 per semplicità :

  • tramite “INPUTBOX”, ossia tramite una una finestra attraverso l’istruzione :  numero=INPUTBOX(“inserisci il numero”)

btm2

 

  • tramite “TEXTBOX”, ossia tramite casella di testo. Per fare questo occorre dapprima crearsi nella parte grafica de Form l’oggetto Textbox.

btm3

 

Una volta selezionato l’oggetto, basterà trascinarlo dove si desidera per crearlo.

Creato l’oggetto potremo procedere con l’input: useremo la funzione “val” in quanto stiamo acquisendo un dato numerico.

btm4

 

Download Visual Studio

24 Gen

La prima cosa per chi vuole avventurarsi nel mondo della programmazione è scaricarsi la piattaforma su cui vuole programmare.

Il software per chi vuole programmare in Vb.Net  è Visual Studio, scaricabile dal link qui riportato:

Download qui

Una volta entrati nella sezione Download scaricate la versione 2010 (consigliata) o la 2012.

Per chi sceglie la versione 2010 scarichi come dall’immagine qui riportata selezionando visual basic

visual

Terminato il Download e l’installazione siete pronti per cominciare…

Imparare a Programmare

24 Gen

Imparare a programmare è una rubrica che con delle semplici lezioni vi immergerà nel mondo della programmazione..

Attraverso questa rubrica imparerete le nozioni fondamentali e base della programmazione. Il linguaggio presentato e in cui comincerete ad immergervi è il Visual Basic.Net.

Buon divertimento!